$this->setGenerator(null); L'alta sartoria entra in scena
 

 

logo scenari magazine

L'alta sartoria entra in scena

 

L'Atelier Sposanova di Luigina Epifani racconta a Scenari il mondo che è nascosto dietro la realizzazione di un abito

La nascita dell’abito da scena

Creare abiti per uno spettacolo non è semplice ma ovviamente neanche impossibile. Si deve tener conto di una serie di fattori: il tipo di spettacolo a cui l’abito è destinato, il ruolo del personaggio (se ha il ruolo principale o se è una scena da solista), i movimenti che il ballerino deve compiere in scena, e si considera anche la scenografia e l’ambiente a cui l’abito dovrà adattarsi … infatti c’è spesso una collaborazione tra costumista e scenografo dove ognuna delle parti prepara dei bozzetti, successivamente si selezionano e mixano le diverse idee per poi arrivare alla scelta conclusiva… dopo di che il lavoro vero e proprio è in atelier, dove l’idea si concretizza e spesso viene arricchita o semplificata in fase di esecuzione, in base alle diverse esigenze che si possono aggiungere.

 

Qual è secondo lei il valore di un abito fatto mano?

Sicuramente un abito fatto a mano è un capo esclusivo ed unico, non ha copie e soprattutto per questo è più importante. Dall’abito si riconosce il film o lo spettacolo per il quale l’abito stesso è stato creato, faccio un esempio: da cosa riconosciamo Cenerentola se non dal suo abito ampio, romantico che ci fa pensare subito al suo essere principessa… oppure ancora quando la osserviamo nel suo abito cencioso, sporco di cenere?! in entrambi i casi dall’abito si risale al personaggio e al momento scenico interpretato, e quindi all’opera o al film. Altro esempio può essere la foto della grande Liz Taylor che vestita di un abito dorato ci fa ricordare subito la sua interpretazione in Cleopatra. Questo dimostra che un abito unico ed esclusivo cucito apposta per un determinato ruolo ha un’importanza scenica maggiore, e non a caso molto spesso ci sono grandi riconoscimenti (come l’oscar per l’abito di Liz Taylor in Cleopatra) all’interno di film o spettacoli proprio per gli abiti.  

{widget:social-share-button}

 
 

Chi siamo

Scenari Magazine

Scenari Magazine nasce dall'idea di uno studio di comunicazione di Lecce (Mediacreative) di creare un free press che parlasse di sole cose felici: eventi, spettacoli, curiosità nel Salento ma non solo.

Mission

La nostra mission è di fornire spunti di riflessione ai nostri numerosi lettori, e offrire alle aziende inserzioniste una visbilità "costruttiva" , basata sui contenuti e non solo sulle immagini

Distribuzione

Il free press è distribuito nei bar e locali di Lecce e del Salento "più belli", Luoghi di incontro e di eventi che coinvolgono principalmente persone giovani e dinamiche, più attente agli argomenti trattati dalla rivista

Comunicati

Siamo sempre felici di ricevere i comunicati stampa relativi eventi e spettacoli che si terranno nel Salento. Ci piace pensarci al fianco delle associazioni che operano sul territorio. il nostro indirizzo è info@scenarimagazine.it

Social

Siamo presenti su tutti i canali social per restare sempre in contatto e portare le nostre notizie ovunque!

Facebook

Google +

Twitter