25 Aprile, 72 anni di Democrazia

Ero una bambina e Sandro Pertini mi scrutava da dietro la cattedra mentre imparavo a scrivere. Il suo volto ha accompagnato gli anni delle elementari diventando una costante rassicurante nel mio percorso verso la Libertà data dalla cultura. Il 25 Aprile penso a lui, simbolo di uomini e donne capaci di cambiare uno Stato: il Futuro.

Anche quest'anno arriva il 25 aprile, una data spesso dimenticata, troppo spesso ignorata se non fosse per il rosso sul calendario, sebbene rappresenti ciò che siamo potuti diventare oggi: un paese democratico. 72 anni fa, il 25 aprile 1945 i partigiani superarono il Po, liberando Milano e Torino dalle truppe tedesche. 

Erano le 8 del mattino quando i partigiani e tutte le parti sociali che si opponevano al nazifascismo si unirono nel CLNAI (Comitato della Liberazione Nazionale Alta Italia) presieduto da Luigi Longo, Emilio Sereni, Leo Valiani e dal, per sempre amato, Presidente Sandro Pertini. Insieme proclamarono l'insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti. 

La voce di Sandro Pertini si levò da Radio Milano Libera: 

"Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire!"

Dopo appena 72 anni di democrazia, in molti sembrano aver dimenticato o addirittura neppur aver appreso, che prima di questa data il nostro stivale è stato vittima di 20 anni di dittatura e 5 anni di guerra, in cui molte, troppe persone persero la vita, in cui molte, troppe persone finirono in carcere per aver espresso un'opinione. Gli italiani stanche degli abusi, delle violenze, delle oppressioni INSIEME si ribellarono per tornare ad essere un popolo libero. 

Il 25 aprile celebra il giorno in cui fu ricostruito il nuovo Stato Italiano basato sulla democrazia. Non dimentichiamolo mai!

Giornale sfogliabile

In Evidenza

 
 

Chi siamo

Scenari Magazine

Scenari Magazine nasce dall'idea di uno studio di comunicazione di Lecce (Mediacreative) di creare un free press che parlasse di sole cose felici: eventi, spettacoli, curiosità nel Salento ma non solo.

Mission

La nostra mission è di fornire spunti di riflessione ai nostri numerosi lettori, e offrire alle aziende inserzioniste una visbilità "costruttiva" , basata sui contenuti e non solo sulle immagini

Distribuzione

Il free press è distribuito nei bar e locali di Lecce e del Salento "più belli", Luoghi di incontro e di eventi che coinvolgono principalmente persone giovani e dinamiche, più attente agli argomenti trattati dalla rivista

Comunicati

Siamo sempre felici di ricevere i comunicati stampa relativi eventi e spettacoli che si terranno nel Salento. Ci piace pensarci al fianco delle associazioni che operano sul territorio. il nostro indirizzo è info@scenarimagazine.it

Social

Siamo presenti su tutti i canali social per restare sempre in contatto e portare le nostre notizie ovunque!

Facebook

Google +

Twitter